Come fotografa di bambini e famiglie, sono sempre molto attenta alle novità della mia professione: mi piace concentrarmi nelle innovazioni e trovare di anno in anno nuovi prodotti e servizi utili alle mamme, alle famiglie e ai bambini.

scatola-dei-ricordi-fotografia-bambini-famiglia-mamma_fotografa-bambini-roma


Così come cerco di rinnovare il mio stile artistico di anno in anno, cerco anche di scovare prodotti o supporti fotografici nuovi: a volte li invento e ne sono diretta promotrice!

Per questo motivo scelgo solo fornitori fidatissimi e fedeli, che amano come me l’innovazione e sono pronti a concretizzare le mie idee dell’ultimo minuto – tanto da diventare la mia seconda famiglia.

Mi piace essere originale nel mio lavoro di fotografa per bambini e famiglie: solo con questa grande apertura mentale e con questa personalizzazione, mi sembra di rendere giustizia all’unicità delle famiglie che mi scelgono per i propri ritratti fotografici.

Come nascono le idee di una fotografa per bambini

scatola-dei-ricordi-fotografia-bambini-famiglia-mamma_fotografa-bambini-roma


Una delle mie idee più innovative è nata proprio dal confronto con una cliente. Il rapporto quasi simbiotico che si instaura tra una fotografa di bambini e una famiglia, è qualcosa di incredibile: è portatore di gioia, di bellezza, ma anche di scambio di idee.

Questa mamma arrivò qualche anno fa, quasi sotto Natale, con due bambini deliziosi. Un maschietto di 3 anni ed una bimba di 5. Entrambi biondissimi e pieni di riccioli. Sembravano usciti dalla fiaba di Boccoli d’Oro.

Realizzai la sessione fotografica nella loro casa: c’era un bellissimo albero di Natale alto fino al soffitto, giochi di legno, pacchetti e dolciumi vari. Ed un cane troppo simpatico.

Dopo qualche giorno, la mamma visionò i provini e mi chiese aiuto nella scelta. I bambini erano molto belli, l’albero meraviglioso, le luci naturali filtrate in tutta la casa erano perfette per le immagini che avevo scattato.

Alla fine riuscimmo a selezionare le immagini anche per la stampa, e fu proprio in quel momento che lei mi disse:
– Mi dovrebbe mandare in stampa 3 copie di ognuna.

Pensai banalmente che le tre copie fossero una per loro e le altre per le due nonne. E mi sbagliai, perché subito dopo aggiunse:
– E vorrei anche 3 delle sue scatole di lino colorato, molto molto alte, però. Almeno 18 cm. E larghe giuste per contenere le sue stampe grandi. Una scatola beige, una lilla ed una verde inglese. Con le iniziali sopra. Diverse, ad ognuna le sue. Cominciamo con queste, poi quando saranno piene me ne farà delle altre.

Come è nato il mio prodotto fotografico: La Scatola dei Ricordi

scatola-dei-ricordi-fotografia-bambini-famiglia-mamma_fotografa-bambini-roma

Quella mamma aveva deciso che, a partire da quel preciso momento, io avrei cominciato a produrre ricordi per i suoi bambini, e per lei.

E lei avrebbe conservato queste scatole, fino al giorno in cui…
– Questi miei figli cresceranno, ed un giorno lasceranno questa casa, per amore o per studio o per lavoro – non so il motivo esatto per cui andranno via, ma so che prima o poi accadrà. Ed io quel giorno voglio consegnare ad ognuno di loro la propria scatola, piena di fotografie che lei avra’ realizzato per loro, nel tempo. Devono sapere chi sono stati, cosa siamo stati e quanto li abbiamo amati. Sarà la cosa più importante che entrerà nelle loro nuove case. L’eredità più grande che potremo lasciare mio marito ed io. Ed anche noi dobbiamo avere la nostra scatola. Con le stesse fotografie. Perché sarà così che mi consolerò e non sentirò la loro mancanza, né la loro distanza.

Ci guardammo e ci abbracciammo. Con gli occhi lucidi lucidi, entrambe. Una mamma così giovane, con bambini così piccoli, aveva già capito tutto. E fu con lei che respirai il senso più autentico del mio lavoro.

Da quel giorno, la scatola dei ricordi è nel mio catalogo dei prodotti.
E non ne uscirà mai. Con le mie fotografie, sto cercando di fermare i vostri ricordi.